Breaking News

#Corse FLNC « Da parte nostra, la determinazione è intatta, la nostra scelta di ieri è la nostra scelta di oggi »

anglais   italien   Catalanu   icone_francais

FLNC

Il 25 Giugno 2014 la nostra organizzazione, dopo un lungo dibattito, è stato in grado di prendere le responsabilità che sono sue e salire le sfide per il futuro del popolo corso sulla sua terra. Dimostrando esemplare maturità politica e assumendo piede contro una qualche scontento, ha preso la decisione unilaterale e inequivocabile di avviare un processo che vuole storico, la smilitarizzazione e l’uscita graduale dal sottosuolo.

La nostra soddisfazione è stata grande per vedere come i giovani della Corsica risponde con grande interesse per il nostro invito all’azione. E ‘un orgoglio per noi osservare che coloro che sono il futuro dei nostri Paesi hanno capito il nostro messaggio. Sono stati in grado di prendere in consegna, e anche se non dubitiamo loro coraggio e il loro impegno, hanno dimostrato la loro capacità ed efficienza oltre le nostre aspettative. Ponendosi in prima linea nella lotta, hanno rinforzato la nostra già forte nelle nostre convinzioni. Sono preziosi garanti del successo della nostra iniziativa.

Quanto a coloro che hanno creduto e credono ancora può essere, per ingenuità, ignoranza o interesse, potremmo noi deviare alla nostra scelta di pace: sono, e saranno, per le loro spese. Hanno sottovalutato la nostra analisi e il nostro forte impegno. Essi riconoscono, come la nostra gente a confondere se non già fatto. Alla fine, sarà squalificato dal popolo. Quelli nostalgici per la polvere e la sfortuna, Janus-come per alcuni di loro, lascerà nella memoria collettiva, l’immagine di somari della storia su, sonnecchiando sulle panchine delle assemblee francesi o della Corsica, segretamente sogna il recupero di un tragico ciclo di azioni / rimozione in modo vantaggioso per loro. Gravediggers di pace e di guerra profittatori ai sogni vergognosi che sono occupati cinicamente e silenziosamente sabotare il processo in corso che abbiamo avviato.

FLNC-UCunionCombattant1999

Lo stato francese continua il suo non prendere in considerazione le legittime richieste del popolo corso ancora democraticamente approvate dall’Assemblea Territoriale. Se lui può ingannare immaginare lunghe scalfitture organizzazione corse riunioni ministeriali che si traducono in alcun significativo atto politico? Si tratta di una reale volontà politica di non soddisfare le aspirazioni democratiche di un popolo o di una mancanza condiscendente e pietoso della politica? Per il momento, il governo francese continua a perseguire una politica repressiva e diligente per rendere la nostra isola un luogo di sperimentazione di pratiche di polizia non favoriscano un clima di pace. Non cedere a queste provocazioni bassi vera polizia. Nessuno riuscirà a distrarci dal nostro obiettivo e di far deragliare il processo avviato decisiva.

Da parte nostra, la determinazione è intatta, la nostra scelta di ieri è la nostra scelta di oggi.

Sapevamo che la strada verso una soluzione politica sarebbe stata lunga e difficile come è stato deciso di dire come spesso pericoloso, ma gli apprendisti stregoni non dubitiamo la nostra capacità di mantenere la rotta della pace e una soluzione politica per libertà del popolo corso.

La garanzia che possiamo dare oggi al nostro impegno per la risoluzione pacifica del conflitto tra noi e lo stato francese, questo è il pieno rispetto della nostra decisione comunicata là di un anno con il mantenimento della nostra il desiderio di mettere a tacere le armi. Ognuno giudicherà ogni giorno che passa, il rafforzamento del carattere irreversibile della nostra scelta di pace per una soluzione politica sostenibile negoziata per la Corsica, che inesorabilmente via lo spettro di obsolescenza della nostra proposta. Anche se il tempo è prezioso.

Questa è la volontà del popolo in questione, e il tempo sarà sicuramente suscitare le pentole pulendaghji nella politica, assicuriamo sostenitori affermano a una soluzione politica negoziata – con sede in assemblea di Corsica – il nostro sostegno. Garantiscono la nostra determinazione a lavorare per la pace definitiva.

In questo senso accogliamo con favore l’iniziativa di chiedere l’amnistia dei prigionieri politici della Corsica e fermarsi accusa ricercata per motivi politici. Questa iniziativa logicamente coinvolto nel corso della storia di conflitti armati nel mondo. Viene sempre agli uomini di buona volontà. Da parte nostra quémanderons altro che la legittimità di questa richiesta di amnistia è evidente e si prenderà in considerazione con attenzione la risposta da dare ad essa. Il giorno verrà a giudicare le attitudini di ogni altro, e noi poi prendere le nostre responsabilità ancora una volta, con un gesto deciso di aderire quello che abbiamo iniziato ci più di un anno.

Infine a illuminare coloro in Corsica, Francia, in Europa o altrove, mobilitarsi, per noi, la minaccia di obsoleto nazionalismo estremo e chiusura in sé; A questi globalisti frenetici, scagnozzi del sistema faccendiere, il potere del denaro-re, la speculazione finanziaria e le loro lobby; Per coloro che vogliono negare al popolo e lo sottopone per trasformarli in stormi servili dei consumatori docili: Risponderemo che sono gli eredi e discepoli di colonizzazione. Hanno sequestrato la terra del popolo esercitano dominio feroce e arrogante il cui scopo è solo il saccheggio delle risorse naturali per i paesi che hanno il vantaggio paradossale di troppo pieno o per gli altri, il semplice possesso di basi fine geostrategica per garantire la loro supremazia come per portaerei Corsica dalla Francia nel Mediterraneo. Ieri come oggi, lo scopo è lo stesso: il proprio sviluppo e di arricchimento a spese dei popoli, la loro cultura e la loro identità mentre scavando esponenzialmente disuguaglianze nel mondo. In quelle stesse persone che in ultima analisi, sentono che la nostra terra non è per noi, noi risponderemo, citando un grande capo della resistenza dei nativi americani, il popolo corso, appartengono a questa terra di Corsica.

Questa invocazione ad un popolo martoriato e decimata non dà vana speranza allo Stato francese di trasformare riserva indiana Corsica, una sorta di parco di divertimenti per turisti in cerca di esotismo a 01:30 a Parigi. Perché la nostra gente è in e intriso di spirito di resistenza. Ha imparato dalla storia, sconfigge così avanzato, drammi come gioie, dispera come momenti di speranza. Il mondo è cambiato, e la Francia in questo mondo non può più permettersi di continuare a soffocare le richieste per l’emancipazione del popolo, o anche a praticare la politica dello struzzo by-passando problema splendidamente Corsica. Impigliato nella crisi di un sistema imperialista declino di dominazione degli altri, bassi, paesi come la Francia, le vecchie potenze coloniali e neo non può sopportare a lungo cedere il diritto dei popoli a loro stessi. Spesso non influenzata cenacoli, da una casta di politici totalmente isolati da preoccupazioni della gente, i leader politici di comunicare quotidianamente la loro grandezza etica e le loro pretese democratiche, mentre in realtà facilmente ospitare piccoli accordi con la scelta di la maggior parte dei propri cittadini.

L’importanza fondamentale della nostra iniziativa di 25 GIUGNO 2014 è stata sottolineata quasi all’unanimità da tutti i soggetti illuminati e gli osservatori della questione della Corsica. Sono stati in grado di anticipare, analizzare il livello storico del nostro processo di pace. Ma tutti sanno che questo non è sufficiente. In Corsica, lo Stato francese giustificare la sua inazione endemica, è stato spesso veloce per brandire la rigidità delle istituzioni di una repubblica incise in un marmo friabile ancora bene quando si trattava di adattarsi agli interessi « superiori » un sistema a due livelli di fatto. Il governo francese sarà uno che cogliere la nostra mano tesa e semplicemente rispondendo positivamente alle aspirazioni democratiche del popolo corso?

« Ciò che è necessario prima di tutto per la pace », ha detto De Gaulle, il primo presidente della Quinta Repubblica francese – a geometria variabile standard francesi repubblicani di tutte le bande – « è la comprensione dei popoli ». Sapeva che « regimi (…) sono cose che passano. Ma la gente non andare. « 

Con tutto il rispetto, la lotta del nostro popolo non si abbassa di intensità. Al contrario continuerà ora in una regolazione pubblica, popolare e democratica. Restiamo fiduciosi e ribadiamo il nostro appello per la società corsa di continuare a partecipare al processo, si uniscono e rafforzarla.

A POPULU FATTU BISOGNU A MARCHJA

Produit CORSU E RIBELLU

bandeauribelluteeshirt (1)

Produits à partir de 13e

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
error: