Produit CORSU E RIBELLU

X

Discorsu di Jean-Guy Talamoni (vidéo sur ce lien)

Installazione di l’Assemblea di Corsica, u 17.XII.2015

electionJeanguyTalamoniPresidentassembleecorse (2)

Oghje, più chè mai, ci tocca à fà di st’Assemblea un locu di demucrazia induve ognunu puderà dì ciò ch’ellu criderà esse u megliu per u bè cumunu.

È u nostru duvere serà di permette à ognunu d’esse ascultatu, circandu, ogni volta ch’ella serà pussibule, di fà parlà a Corsica d’una voce sola. U rispettu di l’altru, a brama di cunvince è di serve l’interessi suprani di a Corsica guideranu, ne sò cunvintu, i nostri passi à tutti.

Per contu meiu, seraghju naturalamente u presidente di tutti l’eletti di st’Assemblea.

Ma nanzu, mi tocca à dì duie parolle à nome di i mei, à nome di sta parte di u muvimentu naziunale chì ùn hà mai accittatu di ricunnosce l’autorità francese nantu à a terra di Corsica.

À nome di tutti quelli chì, dipoi 1768, anu cumbattutu per chì a Corsica fermessi una nazione.

À nome di quelli chì ùn anu mai rinunciatu à l’idea d’indipendenza.

È oghje, simu ghjunti quì, è simu ghjunti vitturiosi, incù i nostri fratelli di Femu a Corsica chì vogliu salutà.

Ma simu ghjunti quì dinù incù ciò chè no simu è ciò chè no purtemu.

Simu ghjunti quì incù tutti quelli chì, cum’è noi, anu sempre cumbattutu l’autorità francese nantu à a terra di Corsica.

Simu ghjunti quì incù i cispreri di Paoli, cascati in u Borgu è in Pontenovu , simu ghjunti quì incù i militanti di u Fronte, morti per a Corsica.

Simu ghjunti quì incù Marcu Maria Albertini è Ghjuvan Battista Acquaviva.

Simu ghjunti quì incù a folla immensa è muta di tutti quelli chì anu datu a so vita perch’ellu campi u populu corsu.

Entranu oghje, incù noi, in issu locu santu di a dimucrazia corsa.

Simu ghjunti quì incù i nostri prigiuneri.

Simu ghjunti quì incù i nostri machjaghjoli.

Simu ghjunti quì incù u ricordu di i nostri strazii, di i nostri sbaglii dinù, ma incù a nostra fede, a nostra sincerità.

Simu ghjunti quì incù e lacrime di e mamme addisperate, di e moglie scunsulate.

Ma simu ghjunti quì incù a risa di i nostri zitelli, incù a speranza tamanta chì ci porta, incù l’amore di a nostra terra è di u nostru populu.

Simu ghjunti quì incù tutti i nostri, è simu ghjunti per porghje a manu.

Per porghje a manu à tutti i Corsi è à quelli chì so ghjunti ind’è noi ùn hè tantu, è chì sò ghjunti in amichi per sparte u nostru destinu.

Simu ghjunti per porghje a manu à quelli chì, dumenica, ùn anu micca sceltu di mandà ci quì.

Per porghje a manu à quelli chì, à l’Assemblea di Corsica, anu sempre righjittatu e nostre idee.

Per porghje a manu à l’eletti corsi chì di u nostru naziunalismu ùn ne vulianu sente parlà.

Per porghje a manu à i Corsi chì dipoi quarant’anni si sò opposti à u nostru muvimentu.

Per porghje a manu, ancu, à i figlioli di quelli chì, trent’anni fà, ci annu cumbattutu incù l’arme pagate da a Francia.

Per porghje a manu, di sicuru, à tutti quelli chì dumenica, anu amparatu a nostra vittoria incù tristezza è inchietudine.

À quessi, dimu : ùn ci hè nunda à teme.

Lasciate ogni paura, voi chì entrate, incù noi, nantu à a strada di l’avvene.

Hè ghjunta l’ora di u ricunciliu di a nostra cumunità incù ella stessa.

A Corsica hè di tutti, è u guvernu naziunale, u primu dipoi u XVIIIu seculu, serà quellu di tutti i Corsi.

Per travaglià incù noi, ùn dumanderemu mai à nimu di rinicà u so parcorsu, e so idee è e so fideltà, cum’è ùn avemu mai accittatu noi di rinicà a nostra storia, u nostru parè è e nostre sulidarità.

Dumane, tutti inseme, avemu da travaglià à u bè cumunu.

Dumane, tutti inseme, avemu da mette in opera una nova pulitica, per a lingua, per a terra, per un sviluppu à pro di i Corsi, per a ghjustizia suciale.

Dumane, scuntreremu i ripresententi di a sucetà corsa, impiecati di u publicu è di u privatu, artisgiani, cumercianti, agricultori, travagliatori culturali, insignanti, studienti, disimpiecati è ritirati, socioprufesiunali, associi è sindicati…

I scuntreremu per mette in puntu un veru prugettu di sucetà, largamente spartu da i Corsi.

Dumane, anderemu inseme in Parigi è in Brusselle incù a forza ch’elli ci anu datu i Corsi dumenica, è neguzieremu i mezi di dirittu nicessarii per fà chì u populu corsu campi bè è ch’ellu sia maestru nantu à a so terra.

Dumane, otteneremu l’ammistia di i prigiuneri è di i ricircati.

Dumane s’apreranu e porte di e prigione perchè i Corsi a volenu è chì nimu ùn si puderà oppone à issa voluntà populare.

Dumenica, vutendu per i naziunalisti, hà dettu u populu corsu chì a Corsica ùn era un pezzu di un altru paese ma una nazione, incù a so lingua, a so cultura, a so tradizione pulitica, a so manera di participà à u mondu.

U populu corsu hà vulsutu chì un naziunalistu sia presidente di u Cunsigliu esecutivu di a Corsica.

Hà vulsutu dinù chì un indipendentistu sia presidente di issa Assemblea, santuariu di a dimucrazia corsa.

Circheremu, incù umilità, à mostrà ci degni di issa cunfidenza.

Compierahju incù duie parolle chì si leghjenu spessu in li vechji scritti di i nostri antenati. Oghje sò, isse parolle, più preziose chè mai : « Campate felici ! »

Evviva a Nazione,

Evviva a Corsica