Produit CORSU E RIBELLU

X

(article du 22 mai 2015) Sessione di l’Assemblea di Corsica di u 28 di maghju di u 2015. Quistione à bocca à l’Esecutivu Territuriale nant’à a « Riforma di u Cullegiu » … in lingua ufficiale …

Dumanda à bocca di Saveriu Luciani, à nome di u gruppu Femu a Corsica

Ogettu : « Riforma di u cullegiu » è Lingua Corsa

O Sgiò Presidente, o Sgiò Cunsiglieru in carica di a Lingua Corsa,

In u seguitu di a lege di l’8 di lugliu di u 2013 nant’à a « rifundazione di a scola », chì prupunia di turnà à pensa u « culegiu unicu », u decretu è l’arrestatu rilativi à « l’urganisazione di l’insignamenti à u cullegiu » averebbinu da mette in ballu a cusì detta riforma à a rientrata di settembre di u 2016.

Un passu in daretu per ricurdavvi chì sta riforma lascia à ogni cullegiu a pussibilità di piglià 20% di u so spartitempu per almanaccà l’accumpagnamentu persunalizatu, ma dinò l’interdisciplinarità è l’introitu d’una lingua viva 2 in quinta.

femuAcorsicaCTCassembleecorse

Per a maiò parte di i sindicati insignenti francesi, l’interdisciplinarità pruposta ùn hè quella ch’elli aspettavanu, è listessa per l’autunumia di e squatre pedagogiche è educative per indettu. Ne sò à criticà e dispusizione inquant’à e cundizione d’articulazione di l’insignamenti disciplinarii di pettu à e forme di l’interdisciplinarità, senza parlà di e nuzione d’autunumia di i stabbilimenti, di a nuzione d’accumpagnamentu, di e cundizione di travagliu è di furmazione di i persunali, tira avanti è passa.
In corte parolle, per contu soiu sta riforma ùn hè manc’à pena pedagogica …

Turnendu in casa nostra, l’APC ammenta una « rimessa in causa di l’insignamentu di a Lingua Corsa», è d’un testu chì «venet orna in uppusizione forte riguardu à a Storia, a Cultura è e tradizione di u Populu Corsu.». Cunclude l’APC dicendu chì «l’impalcatura sana sana di l’insignamentu di u Corsu hè minacciata, è quessa à spessu è di manera dannefica, da tutte ste riforme ch’ùn cuncernanu in fattu chè u sistema educativu francese».

Quì torna, per faccila corta, per l’APC, è simu propiu d’accunsentu cun’elli, sta riforma ùn hè manc’à pena quella ch’omu pudia aspettà per a Corsica.

Dì di sta riforma ch’ella ùn hè adatta à a situazione corsa ci pare più chè palesa.

Eccu un’Assemblea chì vota a dumanda di cuufficialità, ch’aspetta un’agregazione in LCC è a messu in attu d’un cuncorsu unicu per i prufessori di e Scole, un’Assemblea chì vota u pianu « Lingua 2020 » cù a so pianificazionechì mette u Corsu in core à u dispusitivu educativu isulanu, un’Assemblea perfine chì vota l’evuluzione custituziunale, ch’averia da sbuccà per indettu nant’à l’elaburazione d’un quatru novu di cumpetenze per ciò chì tocca à l’Educazione.

Eccu sopr’à tuttu un Statu chì, un’antra volta è una volta di più và à l’incontru di e nostre decisione è di a nostra vulintà pulitica.

Eccuci cù una riforma ch’intruduce in scola di quinta, è più in quarta, a seconda lingua. Ma qualessa ?
Or si sà chì, in a scelta di sta LV2 ubligatoria, i zitelli ùn piglianu guasi mai o guasi più a cusì detta « lingua regiunale », o sippuru à spizzicu, in ozzione. È ghjè cusì ch’elli calanu l’effettivi, annu per annu. Prova si n’hè oghje ghjornu i sciffri scarsi è i dati à partesi da a quarta.

Tandu ci contanu chì st’Insignamenti Pratichi Interdisciplinarii anu da rinfurzà a pratica di a lingua. Noi altri rispundimu subitu chì u Corsu ùn hè manc’à pena un « cumplementu » di st’EPI – induve hè sta furmazione cuntinua per i prufessori in lingua corsa per assicurà u « bislinguisimu cullegianu »? – ma, di sicuru, u cuntrariu. D’altronde, a scelta di l’EPI « Lingua regiunale » averebbe da avè, secondu u pianu vutatu quì mese fà, u statutu di « lingua integrata », di manera à lascia u zitellu, male per male, aduprà a Lingua Corsa senza ch’ellu si a privu d’altri insignamenti pruposti in stu quatru di l’EPI.

Per turnà à u nostru tir’è tene, aldilà di stu periculu maiò di rinculu à parte da a quinta, – lascendu da cantu « l’effettu dominò » cagiunatu in u primariu – ch’anu da diventà tutte st’ore d’insignamentu uzziunale ? Ma ch’anu da diventà à sti patti i dispusitivi di e e filiere bislingue ?
A vi dicu : à sti punti sta riforma tomba à mez’andà tuttu ciò ch’ellu s’hè intrapresu quì dipoi tant’anni, cù un Statu in cuntradizione fundamentale cù ciò ch’ella decide st’Assemblea di Corsica !

S’ella hè necessaria sta riforma per currege e disparità o l’abbandonu primaticciu di l’ambiu sculare d’una bella parte di ua giuventù, forse piattà u fiascu tamantu di l’insignamentu linguisiticu à usu francese, per a Corsica ùn hè una riforma ma una cundanna per « l’avvene corsu » ch’è no bramemu.

Perchè a nostra lingua hè propiu un passaportu ver di u plurilinguisimu, ver di a citadinanza auropea, perchè ch’ella hè a nostra vulintà dinò, è chì sta primura maiò di a cuufficialità porta a spera d’un avvene bislingua, è per compie, perchè ferma u sale di a nostra Cultura, di a nostra Identità , di u nostru Populu, di u nostru prugettu per e leve è e purleve di stu paese, capite bè chì sta riforma ùn hè digià più quella ch’ella aspetta a Corsica d’oghje.

O Sgò Presidente, hè ora di facci sente ! Ùn dumandemu micca garanzie in u quatru di sta riforma ma un statutu derugatoriu è basta !
Chì dumane, a nostra a riforma, serà quella ch’hà da definisce, cù un statutu novu per st’isula, un sistema educativu specificu, chì a nostra a riforma, hè a lingua corsa puntellu maiò d’una sucetà biplurilingua.

Aspettemu intantu, cunvinti da st’ogettivu, forse spripusitatu per certi quì, per una nazione corsa muderna, una reazzione di parte vostra è sopr’à tuttu una pusizione chjara di pettu à a scumessa. Cunniscite bè a pusizione è l’indiatura di Femu a Corsica à prò di sta lotta linguistica, aspettemu di cunnosce a vostra, à tempu à l’iniziativa subbitagna à piglià.

À ringraziavvi

SAVERIU LUCIANI