Produit CORSU E RIBELLU

X

Lingua Corsa : dopu avè lettu duie rimarche nant’à ciò chì s’hè passatu in Aiacciu ghjorni scorsi, a mi provu à risponde, micca tantu per spiegà, ma per dì, à l’accorta, u mo parè, chì oramai, s’ellu ùn si face nunda, u tempu ci venerà bellu pocu, à scrive è à campà corsu…

Una per dì chì, voli sì voli nò, stu votu mi si pare un segnu forte di l’impegnu storicu di u muvimentu naziunale, è quì, di a vulintà di l’eletti corsi, à prò di a salvezza di a lingua. Mi pare propiu utule di fà un passu in daretu, à u scopu di precisà unepochi di punti. Simu stati trenta, quindeci naziunalisti – a medità di i voti à favore -, quattordeci di manca è una, à pena persa à mezu, di diritta… Dimula franca è schietta : puru quelli ch’anu vutatu ùn anu forse micca tutti listessa visione glottopulitica è sucetale à longu andà…

A lingua face Nazione

Dicia à l’ultima sessione chì « a lingua face Nazione », micca per fammi piacè, ma solu per piazzà sta sfida in core à u cantieru d’una nazione muderna. In stu filu, aviamu prupostu a creazione d’un uffiziu di pianificazione linguistica è culturale, per andà più in là, è rende à a nostra lingua vernaculare u so postu è u so pesu in a sucetà. S’è a lingua hè un’ elementu custitutivu di a nazione, à i ghjorni d’oghje, ùn ci pò cunvene u solu fattu di vulella salvà…

saverluLucianicorsecorsicafemu

In l’altre nazione d’Auropa indiate in sta tappa di riacquistu chì si sò pruviste d’un uffiziu simule, ùn s’hè cunsideratu solu u spannamentu di a lingua ma d’un’ambiu « naziunale », à tempu culturale, storica è economicu. Or ci manca quì st’istituzione pulitica quant’è tecnica per ammaestrà l’avvene. Prova si n’hè tutti l’esempii in altrò, valutati da i nostri viaghji, in Catalogna, à u Paese Bascu, à u Paese Gallu, ecc.. Palesanu bè, tutti, e mancanze in st’impalcatura statale imposta in a so « pulitica linguistica” in Corsica.

Lingua d’un populu è micca lingua di a discriminazione

Chì vole dì ? Aldilà di l’attu puliticu di negazione d’un Statu – ne turneremu à parlà – in prima impreme di falla finita cù stu falzu cuncistoriu « trà corsu è francese”. Pare ch’ellu sia ciò chì mantene stu cunservatisimu, for’ di tempu, chì và sin’à parlà di discriminazione, in un paese induve a cursufunia pate un rinculu murtale. Sanu bè, sti birbantoni, chì a situazione periculeghja, innò?

Ci tocca dopu à cunsiderà a lingua à tempu cum’è un attu di salvezza d’un patrimoniu mundiale, cum’è u puntellu maiò di u sviluppu di st’isula – simbulu d’una cumunità viva è chì si dà i mezi di l’integrazione – è sopr’à tuttu cum’è u ripigliu di u chjassu storicu è logicu d’una nazione d’Auropa. Hè propiu custì ch’ellu si pò pensà chì tutti quelli ch’anu vutatu à prò ùn anu forse micca listessa visione : a lingua corsa si, ma micca solu per lussu, ma perchè hè quella di u populu corsu !

Lingua di l’integrazione

Ma parlà di salvezza senza piglià in contu da induv’ellu si vene ùn hà sensu, s’omu ùn situeghja a prublematica in l’aghja storica è latina di sempre, ch’hà suffertu di sta rompitura almanaccata è appiicata da Pargi, ch’hà permessu di sparghje à voline più a pulitica di francisata, da a scola di Jules Ferry à u tempu di l’Imperu culuniale, da a « lingua di u pane » à « sti naziunalisti chì volenu impone u corsu »… Iè, vuliamu impone a nostra lingua à u nostru populu : eccu u nostru più gran’ peccatu dipoi 50 anni !
Insignà, amparà, parlà è campà, quìnd’o culandi, chere una glottopulitica muderna ; volesi dì a presa in contu di a rialità di u Mondu d’oghje, cunfruntati ch’è no simu à u plurilinguisimu.

Parlu d’una sucetà ch’hà bisognu d’apresi in priurità versu a rumanità di sempre, e lingue è e civilisazione cugine, chì prupone perfine un bi-plurilinguisimu chì dia un sensu è un soffiu novu à un spaziu feritu, quellu d’un disertu muntagnolu mitificatu è sacru, appaghjatu à una piaghja ingorda è prufana. Parlu d’una sucetà chì sia in capacità di prumove è d’ammaestrà un’integrazione, in un spaziu corsu ch’ùn puderà accoglie senza dannu è senza risichi murtali, dicu bè risichi murtali, a smuffia di « l’alta civilisazione » o a miseria di l’altrò …

A sfida maiò di l’Educazione

Videndu à certi, omi di poca voglia, incapaci di passà da u dì à u fà, à qualunque scalu di decisione, siasi puliticu è amministrativu, videndu i raporti scarsi trà CTC è educazione naziunale francese, eccu una cullettività chì custruisce i stabbilimenti (licei, cullegi, ecc.), chì paga i persunali TOS (agenti, cucinari, ecc.) ma ch’ùn hà nisun’ pussibilità di sguardu o di decisione inquant’à a gestione di i persunali educativi (prufessori, ecc.) o sippuru i prugrammi.

Soca ch’ellu ci da vulè à allargà e cumpetenze di a CTC in stu duminiu precisu – ma ancu in tant’altri – migliurendu cusì l’ogettivi posti in u famosu cartulare « Lingua 2020 ». Per indettu impone à u Ministere di mantene in l’accademia di Corsica tutti i laureati di u CAPES ch’anu una certificazione in Corsu.

Campà è parlà corsu, quì !

Chì si vede oghje ? Giovani prufessori cundannati à parte à travaglià in l’accademie di a cinta parigina (in Créteil per u più), malgradu ch’elli appiinu seguitatu una scularità sana sana quì, malgradu ch’elli parlinu u corsu, quand’u bisognu hè à meza casa, vale à dì cresce u corpu prufessurale di e filiere bislingue, moltu più quand’omu sà ciò vale u so bilanciu qualitativu è quantitativu.

IMi scurdava di u cuncettu di “vulintà pupulare”. I genitori ? Aldilà di quelli à morsu – chì sò per furtuna numerosi -, l’altri « mettenu » à spessu i so figlioli in e filiere bislingue, guasi filiere d’eccelenza, in u primu gradu, ma prestu prestu sunnieghjanu d’altre filiere, auropee o prestigiose, à l’entrata di u cullegiu.…Corce filiere bislingue maladicciose di u secundariu … A risposta, generalisazione, ubligazione è sperimentu di l’immersione in scola materna !

A demucrazia linguistica contr’à a Custituzione

A turnemu à dì : simu indiati in una lotta per a demucrazia linguistica di pettu à u monolinguisimu di Statu. Pensate bè ch’ellu ci seria tanti è tant’affari à dì, chì « ùn hè ancu notte in Porri ! ». U Statu francese riceve l’eletti in Parigi per parlalli di « cullettività unica » : bon prò ci fia ! In fatti, ammenta un passu di riforma stituziunale per a Corsica chì hè ridutta à un’amendamentu di a famosa « loi notrE », chì cuncerna a Francia sana.Ma di riforma di a custituzione francese, logica riguardu à sti voti di l’Assemblea di Corsica, nant’à u statutu di residente, a lingua ufficiale, a fiscalità, tir’avanti è passa : mancu stampa !
Porta chjosa di marchjone in Parigi ! Eccula quì chì atteppa a strada di l’ancu à fà .. Ancu s’ellu ùn ci pare tantu chjaru l’avvene, mi pare pocu garbatu di stacci à meza strada, à l’affollu di certi… Da quì à dui anni, smarisceranu ancu di grazia i dipartimenti .. Pensendu à Saveriu Paoli, forse ch’ellu ci vulerà à ripete chì « A Corsica ùn serà più un dipartimentu francese – o dui – ma una Nazione à custruì ! ». Perfine, pensendu à un gran’ pueta nustrale d’avà, chì scrivia in tempu di Riacquistu «Dicembre sente l’aranciu », mettu à sperà in stu tempu di disacquistu, chì stu dicembre à vene senti un prufume di …veranu. Allora, tandu si chì l’ancu à fà…

Saveriu Luciani

source