Produit CORSU E RIBELLU

X

Bona sera Portivechju, bona sera purtivichjacci. Quand’i ghje dicu purtivichjacci, pensu à l’aghjenti di Portivechju, ma dinò à quiddi di tutti i paesi, i paisola, i pasciali di a cumuna. Senza sminticà a noscia cara muntagna.

Semu tutti di a stessa cumuna.

Parlemu avali di a noscia lingua.

A chì servi una lingua, par quali hè?

A noscia lingua esisti da poi l’epica preistorica. Hà sempri esistutu. I nosci anziani hà ci hani tramandata. Perda a so lingua saria un primu passu versu a perdita di a cultura. « Una lingua si perdi, un populu si mori ». Dici un pruverbiu. Hè una lascita di i nosci maiori chì no ùn pudemu micca lascià mora.

A lingua ùn hè micca a pruprietà di una parsona, di un gruppu o di una sucietà. Sempri essendu un elementu fundamintali di l’identità, ùn devi micca essa risirvata à i specialisti, nè mancu à una sola parti di una sucietà. Ùn apparteni à nimu, ma ferma l’affari di tutti.

A lingua corsa, com’è tutti i lingui di a tarra, hà parichji funzioni. Si pò pruvà di mintuanni qualchì ad una.

– Hè a raprisintazioni di a cultura. Una nutrisci l’altra.

– Hè u tistimognu è u spechju di a noscia manera di campà, è ancu di mora.

– Hè a racolta di u nosciu sapè è di u nosciu sapè fà. « I lingui chì ùn sò imparati sò prestu sminticati. » Dici un antru pruverbiu.

– Hè idda chì stazzunighja a noscia manera di pinsà, chì intratteni è sparghji i nosci valori umani, suciali, famigliali, spirituali, filosoffichi.

– Hè dinò idda chì dà a pussibilità d’integrazioni à tutti quiddi chì volini stallassi è campà incù noscu. Ancu si l’integrazioni riponi monda nantu à u suciali incù u lughjamentu è a paga, ùn hè reali chè quandu u « stranieri » cumunichighja incù a lingua di u paesu. « Lochi duve tù vai, pidda l’usi chì tù trovi » dici un pruverbiu. Hè una virità universali chì parti da u fattu ch’iddu tocca à quiddu chì ghjunghji à piddà u passu di quiddu chì ci stà, è micca u cuntrariu.

 – A lingua hà dinò una funzioni di cumunicazioni. Quì tucchemu tutti i duminii di a cumunicazioni chì hani a rispunsabilità è u duveri di sparghja è di valurizà a lingua. Si parla di i ghjurnali è di i libri, pà ciò chì tocca à a lingua scritta, di a radiu è a televioni, pà ciò chì tocca à a lingua urali. È micca solu in Corsica. Ci hè manera di falla senta in altri paesi latini di u mediterraniu. In quissa hè un mezu d’apartura nantu à d’altri lingui è d’altri culturi.

 – Hè supratuttu l’imaghjina incunturnevuli chì custruisci è intratteni a noscia indentità. Si pudaria affirmà chì u populu si ricunnosci in a so lingua. Ramintetivi comu si ricunnosciani dui corsi à u stranieri. U primu stintu hè di parlà a lingua, spechju di a so identità.

 À nomu di chì, di quali parsunalità, di quali autorità, sighi ancu u statu francesu, duvariami sminticà, righjittà, caccià fora, metta da cantu, sminuì a piazza è a purtata di a noscia lingua ? Avemu u duveri, tutti insembi, d’ avè par idda una vera ricunniscenza denduli a piazza ch’idda mèrita, quidda di a lingua ufficiali di a Corsica. Senza dumandà a morti di a lingua francesa chì ci servi di mezu di cumunicazioni più largu.

 A scola, a famidda, a sucietà, l’amministrazioni, u carrughju, l’attività di tutti i ghjorni, l’ecunumia, tutti i mumenti di a vita in Corsica… è a mirria, devini participà à a valurizazioni è à a spaghjera di a lingua. Quì ùn si tratta micca solu di metta i tituli, di scriva i plancarti, di dà i noma corsi à i so fiddoli o à i so magazeni… è basta. Nò, ùn basta micca. Ci voli à metta in piazza, à u niveddu municipali i mezi pussibili di valurizà è di sparghja a lingua. Ad oghji, ci hè pocu è micca pruposti, mancu da l’uppusizioni dighjà eletta. Aghju statu à senta a radiu, i discorsi publichi, a televisiò, u carrughju, eccetera… Si hè parlatu un pocu di tuttu, tuttu era prisenti, innò micca tuttu, ni mancava una, a lingua corsa. A mirria hà signatu a cartula di a lingua corsa à u più altu niveddu ? voli dì à l’altura di a cuufficialità. U risultatu hè qualchì plancarta in lingua corsa è una ghjurnata di a lingua par fà figura, par cumparì. Sempri u pinseri di cumparì, di fà creda. « Fin ch’idda dura, fà figura », dici un pruverbiu. In fatti sò i ziteddi di i scoli, è iddi soli, grazia à i so maestri vuluntarii, chì facini calcosa. A mirria si cuntenta di lascialli occupà u spaziu di u centru culturali. E dopu ? Pocu è micca azzioni cuncreti. A nuvella mandatura ùn privedi guasgi nudda annantu à stu puntu. Parolli, parolli, in aria, chjachjari di dopu cena, ma i fatti sò pochi. Alora chì ci si pò fà ? A risposta hè simplici. A Corsica hà vutatu guasgi à l’unanimità, l’ufficializazioni di a lingua corsa. A cufficialità ùn hè micca un scopu pulitichi, ùn hè micca una vodda vana, un capriciu com’iddu hè in bucca à monda candidati chì ùn facini mai u sforzu parsunali, famigliali, cullettivu, di fà i so discorsi in a so lingua, o di prupona azzioni veri è fattii in u so rughjonu. Hè di sicuru, u mezu incunturnevuli par dà à a lingua a so piazza in a sucietà.

Oghji a cufficialità hè stata dumandata da a cullettività di Corsica guasgi à l’unanimità. Soli, qualchì eletti di u fronti di manca è di u PRG si sò astinuti. Hè una vuluntà di un populu chì ùn si pò più nigà. Oghji chè oghji, ùn aspittemu più u benvulè di l’eletti pariggini. Semu un populu maiò. Piddemu da par nò i dicisioni chì ci cuncernani. Ùn aspittemu più, com’è tanti è tanti eletti di u nosciu rughjonu a parmissioni di metta in piazza sta dicisioni. E bè ! sciscia ! Mittimu in piazza a cuufficialità in a cumuna di Portivechju.

 Comu fà ?

Chì azzioni par metta in piazza sta cuufficialità à u niveddu municipali?

St’azzioni devini essa generali è piddà in contu a rialità di a situazioni. Una situazioni catastrofica ! Qual’hè chì senti più parlà corsu in i magazeni, in carrughju, in amministrazioni, in a saluta, in tutti i duminii di u travaddu, di u sportu, di i distrazzioni… è tanti è tanti sittori di a vita, è … ancu in famidda. Par cambià sta situazioni ci vularà, à u niveddu municipali, à dà l’esempiu è à incuraghjì i sittori liati à a cumuna. Si pò acirtà chì a lingua corsa hè malata in Corsica. Ma, in Portivechju hè muribonda.

Femu u cunstatu.

Nanzi di prupona una suluzioni, ci voli à sapè in chì statu si trova a noscia lingua. Com’è u duttori quand’iddu và à veda un malatu, ci voli à fà un dianòsticu u più ghjustu pussibili pur di dà u trattamentu ch’iddu ci voli. Com’iddu a dici u pruverbiu corsu : « U duttoru piattosu faci a piaga puzzinosa. » voli dì ch’iddu ùn ci voli micca ad essa troppu bravu, troppu dulci, troppu piattosu, quandu un malatu hè muribondu. Ci voli à dà i midicini addattati à a situazioni. In chì situazioni semu in Portivechju ? I l’anni 90, quandu ghjè eru direttori di a scola materna aviu una futugraffia di a pupulazioni sculara. Tandu n’erami dighjà à stu cunstatu. 30°/° erani d’urigini straniera, 34°/° erani d’urini cuntinintali è 36°/° erani d’urigini corsa (par via di u babbu, di a mamma o di l’anziani). In quant’è a cunniscenza di a lingua corsa. 1 à 2°/° parlaiani a lingua, 7 à 8°/° capiani qualcusedda è 90°/° ùn capivani nudda. Era a stessa situazioni in tutti i scoli di a cumuna. Sti ziteddi sò oghji i ghjovani di 27 à 30 anni. Ammittindu ch’iddi aghini imparatu appena duranti stu tempu, si pudaria dì chì a situazioni di a ghjuvintù in Portivechju oghju hè : 10°/° parlani u corsu. 20°/° u capisciani è 70°/° ùn capisciani nudda. A situazioni hè catastrofica. A lingua hè muribonda. Avali chì u dianosticu hè fattu, bisogna à curà u muribondu, mittindu in piazza u trattamentu.

L’azzioni.

 Ecu uni pochi d’azzioni à metta in piazza. Ci vularà à :

– Essa attenti à ciò chì l’autorità amministrativi si sirvissini di a lingua corsa.

– Essa attenti à ciò chì l’agenti chì sò in cuntattu incù u publicu impiighessini a lingua corsa incù i parsoni chì s’adrizzani à iddi.

– Prupona, à quiddi chì dumandani, i furmulari è i testi amministrativi d’utilizazioni currenti in lingua corsa o bislingui.

– Accittà di riceva è di risponda à i documenti scritti in lingua corsa.

– Parlà a lingua corsa duranti l’assemblei, i riunioni senza ritinuta.

– Fà i resi conti di i riunioni in i dui lingui.

– Rimetta in piazza una tupunimia ghjusta nantu à tuttu u tarritoriu di a cumuna.

– Metta in piazza, incù l’aiutu di a cullettività, rispunsevuli di a sparghjera di a lingua, a furmazioni di l’impiigati è agenti publichi (mirria, uffizii, servizii di a mirria, agenti tarrituriali…)

– Dà a priorità à l’impiegu à quiddi chì hani a cumpitenza tecnica, ma in suprapiù a cumpetenza linguistica. A lingua ùn sarà micca cunsiderata com’è un ustaculu o un righjettu, ma com’è una cumpitenza necessaria à l’impiegu.

– Dà a priorità à a creazioni è à i spittaculi di tutta natura in lingua corsa.

– Sviluppà è aiutà, denduli i mezi, l’associi chì piddani in contu a cultura è a lingua corsa.

– Metta in piazza, à tempu à a nuvella urganizazioni di a ghjurnata sculara, attelli numarosi è di qualità in favori di a lingua è di a cultura corsa.

– Urganizà, in culaburazioni è in cuncirtazioni incù i scoli di a cumuna, diffarenti prughjetti chì piddani in contu a lingua è a cultura corsa.

– nummà un aghjuntu incù a diligazioni spiciali di a lingua corsa, chì pudaria inacricassi dinò di quidda di i scoli è di a ghjuvintù. Stu sirviziu devi avè i mezi finanziarri, umani è tecnichi di funziunà.

– di stabilì i passarelli è i ponti tra sta delegazioni, incù tutti l’altri, supratuttu incù quidda di a cultura è di u sportu, è dinò incù l’associi grazia à i cumissioni stramunicipali.

Ma par metta in piazza tutti st’azzioni ci volini i mezi.

I mezi di a cufficialità.

A cuufficialità hè una scelta rigiunali. A cullettività devi dà i mezi finanziarii à i cumuni chì dumandani di metta in piazza sta scelta. I mirrii devini invià un prughjettu chjaru è pricisu di l’azzioni privisti è dumandà i mezi currispudenti, finanziari, ma supratuttu quiddi di a furmazioni. I furmatori devini essa presi in contu da a cullettività. L’università di Corsica duvarà risponda à sta dumanda, priparendu un corpu di furmatori rigiunali. Si mittarà in piazza sta furmazioni, prugressivamenti, dendu à l’agenti a pussibilità di furmassi duranti u tempu di u so travaddu. Un pianu di furmazioni sarà custituitu in cuncertazioni tra l’agenti è l’eletti. Stu pianu duvarà essa cuntrattuali tra a mirria è l’impiigati. Basta i soldi ghjittati pà a furmazioni chì ùn isbucca indocu.

Una tapa di valutazioni sarà missa in piazza par dà, in fini di furmazioni, un diplomu di cumpitenza, par esempiu, u certificatu di lingua corsa.

Ugni travaddu voli premiu. À cumpitenzi più maiori, paga cunsiquenti. L’agenti chì sbuccarani ad avè sta cumpitenza, stu certificatu, avarani un statutu particulari incù un indiziu crisciutu o una prima (sicondu u codici di u travaddu).

Eccu una visioni rialista di a manera di fà avanzà a lingua corsa. Hè una visioni glubali di a situazioni è di i mezi incunturnevuli à a so valurizazioni. Ùn si pò micca circà i suluzioni senza una vista riali è glubali di a situzioni. Quissa hè vera in tutti i duminii di rispunsabilità di a mirria. Hè quissa, pò dassi, un’antra manera di guvernà, una manera più democratica, più realista è più oportunista d’utilizà, pà u meddu, i mezi di a cumuna.

In cunclusioni.

U risultatu di st’elezzioni hè impurtantissimu. Quiddu di a lista di U Riacquistu hè vitali pà a cità è i paesi di Portivechju. A noscia prisenza cundiziunighja a presa in contu di un riacquistu Purtivichjacciu. Quiddu di sentasi bè in u so paesi, di sentasi sempri in casa soia. Hè ancu un frenu à tutti i cumbriculi. Si forti semu, pudaremu pisà nantu à a nuvella municipalità è fà avanzà i nosci pruposti. Nò semu quì par dinuncià ciò chì ùn và micca è supratuttu pà prupona, pà custruì.

70°/° di i ghjovani ùn capiscini più u corsu, a maiurità di i portivichjacci accoddani i carabbuduli di u « famosu » sviluppu economicu, a maiurità di i portivichjacci pagani i ciotti di u « famosu » sviluppu economicu (ùn ci hè chè à veda i prezzi), a maiurità di i purtivichjacci campani à straziera o pà u meddu campacighjani. L’agricultura si ni mori anch’idda, hè da ribba inghjò … Una minurità s’empii i bunetti. Più di a mità di sta minurità hè stranieri.

Sta fotograffia di a situazioni hè vera. Tutti ssi difficultà sò com’è i ciambotti di u mari, unu strascina l’altru. Sò i cunsiquenzi di una cattiva pulitica di a Corsica è di a cumuna. I rispunsevuli sò i nosci eletti chì hani fattu sta scelta. Ci hani lampatu in u fossu. Demuci a mani par sorta da stu fossu.

Semu pà a virità, pà l’onestità, pà u realismu, pà a sulidarità, pà l’identità, pà a Corsica è pà Portivechju, una cità è una cumuna corsa.

A prestu.

 ANERSTU PAPI

Article publié le 17 mars 2014, à lire ci dessous

(…)

CorsicaInfurmazione.org by @Lazezu 

Revue de Presse et suite de l’article  : 

RIACQUISTU

Corsica Infurmazione: l’information de la Corse, des Réseaux sociaux et des Blogs politiques [Plateforme Unità Naziunale]