X

Oggettu : Mantenimentu di i ghjovani Capessiani è Messa for’di norma di l’Academia di Corsica.

Dapoi qualch’anni à st’epica ci truvemu davantu à listessa prublematica , i ghjovani chi ottenenu u CAPES, quale sia a materia, si ritrovanu in situazione d’esse mutati in altro. Tutti l’anni i sindicati d’insignanti è certi eletti si mubilizeghjani pè denuncià stu fattu.

A settimana scorsa hè a direttrice di l’IUFM di Corsica chi hà presu a parolla pè palisà torna una volta sta situazione. Certi un so ancu assicurati di pudè fà u so staziu in Corsica , allora una titularizazione , ùn ne parlemu.

Vale a di chi i ghjovani certificati chi devenu fà u so staziu da esse titularizati, e chi so di fattu sempre in furmazione, si ritrovanu in situazione d’esse mutati pè un annu. So messi dunque, in una situazione suciale difficiule, so ricrutati pè stu staziu à 1400 euri a mesi è si devenu allughjà in furia quand’elli piglianu cunniscenza di u so accademia d’affetazione, quand’elli si ritrovanu in certe accademie vi lasciu riflette à e difficultà.

Allora ch’ellu ci seria una pussibilità in a cunvenzione tra u retturatu è l’IUFM di Corsica, di sparghje ore di furmazione è d’insignamentu in a nostra accademia.Cio chi permetteria à issi ghjovani di firmà in casa soia e di compie a so furmazione in cundizione bone.

E in’issu casu u criteriu di a detta mubilità naziunale, un ci si po esse rinviatu, postu chi si ghjovani ùn so ancu titularii di l’Educazione naziunale, e chi u bisognu in Corsica ci hè. Fattu si stà ch’elli so tutti l’anni ghjovani corsi cumpetenti, furmati qui, chi so mandati in l’Academia di Creteil, o d’altri rughjone di Francia allora chi in Corsica, in certe materie i culleghji è licei so in l’obligu d’impieghà vacatarii da assicurà i corsi. Sta situazione incuerente ùn po più durà.

In u fratempu, u Statu, determineghja l’affetazione senza tene contu di i bisogni reali di a nostra accademia. In certe materie e mancanze di certificati so maio, in l’articulu di u Corse Matin di a settimana scorsa, Dumenica Verdoni,direttrice di l’IUFM di Corsica ci dà qualchi
esempii.

U dettu « Barême » è, in generale, e norme imposte da l’Educazione naziunale, so inadattate à e specificità di l’isula. Sapemu , chi in quantu di Presidente di l’esecutivu, avete scrittu pocu fà à u ministru di l’educazione pè infurmalu di a situazione di i nostri ghjovani Capessiani.

E dino pè palisà u paradossu tra i bisogni di a nostra accademia è e mutazione sistematiche. Speremu chi a risposta ùn si ferà micca troppu aspettà. U sistema educativu cum’ellu hè cuncipitu oghje un po risponde à l’aspetti specifichi di a Corsica. U nostru muvimentu porta dapoi anni è anni , a rivindicazione di a messa for di norma di l’Accademia di Corsica, oghje ne hè più che tempu, quella ci permetterà di risponde e di
ghjestisce di modu efficiente i bisogni di furmazione è di persunali.

Solu a messa for’di norma ci permetteria una presa in contu reale di e nostre specificità geugrafiche, suciale, ecunomiche è culturale . Puderiamu dinu, mette in piazza un « bareme » di mutazione inter academicu specificu chi piglierebbe in contu sottu à a forma di bunificazione u locu di residenza in un quadru bè definitu , è dino a capacità di u candidatu in lingua Corsa.

U frezzame bislinguu di i posti hè, una necessità, per avè nantu à u terrenu insignanti abilitati, vole di, in capacità d’assicurà un insignamentu bislinguu, d’altronde, in u filu di e misure precunizate da a nostra assemblea. Postu chi,a l’occasione d’issa sessione ,u cunsiglieru esecutivu, Pierre Ghionga, in carica di a Lingua Corsa, ci prisenterà a so foglia di strada, quella s’ella hè seguitata ci po purtà ver’di un avanzata maio pè a nostra lingua, a traversu un insignamentu bislinguu, ma dino cume no a dumandemu dapoi anni è anni, a traversu un evuluzione di u statutu di a lingua Corsa.

Da mette in piazza issu prugettu, ci hà da vulè una cunvergenza tra a nostra assemblea è u Retturatu, da chi i mezi nantu à u terrenu sianu à l’altezza di a nostra vuluntà pulitica. Tocca à noi a sapè purtà à u più altu livellu a nostra indiattura. Per oghje, in un primu tempu è a cortu andà ci vole chi a nostra assemblea in u so inseme , fessi sente a so voce pè u mantenimentu è u vultà in Corsica di i nostri ghjovani
Capessiani.

In un secondu tempu, O Sgio Presidente, vi dumandemu in u cuadru di a cuncertazione incu u Retturatu d’ingaggià una riflessione nantu à messa for’di norma di a nostra Accademia chi sola cume no l’avemu dettu puderà risponde a i bisogni specifichi di a nostr’isula in materia di furmazione è d’insignamenti.

Infine, vi dumandemu in u listessu filu, chi a nostra assemblea, in u cuadru di a cummissione di e cumpetenze leghjislative è regulamentarie , purtessi una riflessione nantu una dimensione nova à dà a e nostre cumpetenze in materia d’educazione è di furmazione in u cuadru di u nostru statutu specificu ch’ellu ci tuccherà, po esse, a ridefinisce.

L’educazione è a furmazione, so duminii, induve, in quantu di culletività, avemu una sfida maio, postu ch’ellu s’ingaggia l’avvene, speremu ch’inseme ne seremu à l’altezza.

A ringrazià vi

Josepha Giacometti Corsica Libera

 

Faites passer l’information autours de vous en cliquant sur :

à suivre sur  l'application android Unità Naziunale ou bien sur ce lien mobile (Apple, tablettes...)