Produit CORSU E RIBELLU

X

(Unità Naziunale Publié le 25 septembre 2018) Ùn hè tantu èramu à l’affocu, lingua è cultura sprezzata, esiliu, terra spredata, parulla tolta è demucrazìa cunfiscata, ecunumìa imprestata, università minacciata, ripressione da tutte e mamme, sucietà murtificata di pettu à un clanìsimu rè è u Statu cumplice…

Oghje e cose sò sempre diffìciule, ma u travagliu di riacquistu hè ingagiatu, ùn simu ancu à salvà a nostra lingua, ùn simu ancu à rilevà a nostra ecunumìa, ùn simu ancu à parà tutte e speculazioni è l’inghjulie, ùn simu ancu à vede vultà tutti l’impriggiunati, u Statu ferma nemicu, u clanìsimu ferma à l’aguattu, uni pochi di manghjoni fèrmanu in piazza, frastòrnanu l’andature mafiose, ma, pianu pianu, prugressi sò fatti, ùn sò ciambuttamenti piuttostu trimuleghji, ma solchi sò tracciati, sempre dèbbuli è scarsi ma quale l’averìa creduta pussìbule ?

U pòpulu hè di più in più in brama, hè segnu di rispunsabilisazione è di vuluntà d’esse. Vale à dì di speranza è fede. Pudemu. A sà u pòpulu, hè per quessa ch’ellu diventa di più in più impaziente, esigente. U naziunalìsimu corsu hà fattu rinasce a fiàcula di a speranza. Tandu, a rispunsabilità hè affannosa è pisìa. Ci tocca à cambià a sorte di un pòpulu seculare è cuncretizali un avvene. Tamanta hè a strada ! «Avemu vintu eletturalmente, ma ùn avemu micca vintu puliticamente» hà dettu Giddiu Simeoni. U cutidianu di i capatoghji ci anneca, ci vole à tempu à curà u presente, sguassà prugressivamente e pràtiche calamitose, mette tutta l’amministrazione nant’à i stessi scopi, parà i tràmpuli, è inventassi un lindumane cullettivu.

Ssa rivuluzione ùn hè pussìbule chè sè no a cuntinuemu inseme. È a sulidarità ùn hè pussìbule sè no disciulemu ugnunu in u so cantu, cù a so forza di pettu à tutte l’altre. L’Esecutivu corsu, a maghjurità, anu bisognu di un arnese di terrenu. Dà di pettu à un Statu di più in più giacubbinu è disprezzante, parà e difficultà di u nostru pòpulu è permètteli di partecipà à u scopu maiò d’un paese da fà, priservà l’unione chì ci hà purtatu à piantà e viulenze per custruisce un avvene di pace, dà di pettu à e rispunsabilità per porghje furtuna è benestà à u nostru pòpulu… abbisogna d’esse urganizati è cuurdinati à tutti i livelli di putere.

Infurmà i militenti, sensibilizà i simpatizenti, assucià a ghjente, strutturà a lotta, furmà a ghjuventù, sparghje demucrazìa, fà lea trà i capifili è u terrenu, cumanda ss’urganisazione di basa. Hè stata bramata, accettata, riflettuta, strutturata, aduprata, cunsacrata… cosa iaspettemu à accende u mutore ? L’audienza larga è putente di i nostri sustegni s’inchieta è s’addispera. Chì femu ? 

Fabiana Giovannini sur ARRITTI