Produit CORSU E RIBELLU

X

(unità naziunale – 2 janvier 2018 – 16h00) Discorsu d’investitura di u Presidente di u 2 di ghjennaghju di u 2018. (Lingua Corsa, English, Français)


 

Care culleghe, cari culleghi, Cari membri di l’Assemblea di a Giuventù, Cari cumpatriotti,

In issu principiu d’annu novu vi pregu à tutti a pace, a salute è a felicità. I Corsi l’anu decisa : a nostra maiurità guvernerà l’affari publichi di u paese durante l’anni chì venenu. D’issi voti, cusì numarosi, ne simu fieri, di sicuru.

È ringraziemu di core l’elettori. Ma ci danu sopra à tuttu una rispunsabilità tamanta. A cunfidenza manifestata di 2015 s’hè allargata assai è nimu ùn pò nigà, oramai, a legittimità chè no avemu per mette in ballu u nostru prugettu.

Un prugettu naziunale, è dinù suciale. Tamantu chjassu petricosu ! Issa vittoria, a vogliu dedicà à tutti quelli chì anu cumbattutu per a Corsica è ch’ùn sò più d’issu mondu. Eppuru, sò sempre à fiancu à noi.

A vogliu dedicà à i nostri feriti, à tutte e famiglie sempre in lu dulore.

Issa vittoria, a vogliu dedicà à i nostri prigiuneri è machjaghjoli.

À elli chì, parechji anni fà, sò stati ciuttati da una manu indegna in u bughju ghjalatu, à elli chì danu capu à issa sorte ingrata incù un curagiu immensu, mandu, incù a mio ammirazione è u mio affettu, issi versi di u pueta brittanicu :

« Pocu impreme, chjose e porte, Quant’ellu hè crudu lu mio guaiu, Sò u maestru di a mio sorte, Di l’alma mea l’amiragliu. »

Ch’elli sappianu chì ùn truveremu mai riposu, mai, fin tantu ch’ùn seranu tutti vultati in Corsica, lentati, è rientrati in casa soia.

Issa vittoria, a vogliu dedicà à i militanti naziunali di tutti i partiti è accolte.

« A vogliu dedicà à tutti quelli di u Fronte di Liberazione Naziunale di a Corsica, armata invinta, nata quarant’anni fà per difende u populu corsu à un epica chì demucrazia ùn ci ne era nantu à issa terra »

Quarant’anni : tamanta strada sì, ma quant’ella hè stata difficiule sta strada ! Tamantu chjassu petricosu !

Un chjassu chì mai ùn rinicheremu. D’issu chjassu n’avemu fattu una strada larga è risplendente. Issa vittoria, a vulemu sparte incù tutti i Corsi chì ci anu fattu cunfidenza, vechji militanti o « novi naziunalisti » certe volte criticati nantu à e rete suciale. À l’amichi azezi chì a si caccianu incù quelli chì sò ghjunti avà, pongu a quistione : cosa serebbe, oghje, a situazione di a Corsica, s’è no eramu firmati a manata chè no eramu quarant’anni fà ? Allora, ch’elli sianu accolti cum’ellu si deve quelli chì ci raghjunghjenu, chì simu tutti à paru.

Inquantu à i militanti anziani, ch’elli sianu ringraziati assai chì, senza elli, nunda ùn serebbe statu pussibule. Infine, issa vittoria a vulemu sparte incù quelli chì ùn anu vutatu o chì anu vutatu per d’altre liste, chì u paese l’avemu da fà incù tutti i Corsi, è ancu incù quelli chì ci anu cumbattutu l’arme in manu tanti anni fà.

E porte di a nazione sò aperte à ognunu. Una parolla per l’eletti accolti quì. Aghju vulsutu esse, durante dui anni, u presidente di tutti i membri di l’Assemblea è u mio spiritu serà sempre quessu custì. Chè vo siate di a maiurità o di l’uppusizione, per voi, a mio porta serà sempre aperta. Ognunu ripresenta quì una parte di u populu corsu è duvemu esse sempre à l’altezza di e nostre funzione. A fermezza di u discorsu in u dibattitu hè una cosa nurmale in demucrazia, ma u rispettu si deve à tutti.

A campagna hè compia è di l’eccessi ci ne simu scurdati. Maiurità è uppusizione, simu tutti Corsi è appartenimu à un picculu populu. Fora di a pulitica, simu spessu amichi è qualchì volta ancu parenti. Eppò, sopra à tuttu, simu liati da una missione à pro di u bè cumunu è di l’interessu superiore di a Corsica.

Prugettu naziunale, ghjustizia suciale : per un mudelu corsu A dicia capu nanzu, u nostru prugettu hè naziunale, di sicuru, è dinù suciale, à prò di tutti i Corsi è in particulare di quelli chì cunnoscenu e più grande difficultà. À quessi, vogliu ramintà u nostru impegnu suciale. À i giovani, incerti nantu à u so avvene, vogliu dì chè no travagliemu dipoi dui anni per assicurà li, cum’ellu l’hà detta u Papa Francescu : u travagliu, u tettu, a maestria di a terra. À l’anziani, vogliu dì ch’avemu bisognu ch’elli ferminu in a mossa di un paese da fà da assicurà a trasmissione di i nostri valori.

À l’agenti di a nova Cullettività, ch’o salutu, vogliu dì a nostra cunfidenza in e so cumpetenze è a so vulintà di participà à a custruzzione di a Corsica di dumane. A Corsica chè no vulemu ghjè un paese induve nimu ùn serà lasciatu da cantu. Un paese induve ogni zitellu averà listesse pussibilità di promuzione suciale quale ella sia l’origine o a 3 situazione materiale di a so famiglia. Hè per quessa chè no vulemu mette in ballu, d’una parte i mezi di u sviluppu ecunomicu è suciale, è di l’altra un novu sistema educativu.

Liberazione naziunale, sviluppu, educazione è ghjustizia suciale sò, è fermeranu, u core di i nostri impegni da custruì u nostru mudellu puliticu. Durante l’anni à vene, cuntinueremu à travaglià, notte è ghjornu, senza stancià, per fà chì à a fine di issa mandatura a sucietà corsa sia più ghjusta è più bona chì avà. Rilazione incù Parigi Qualchì parolla nantu à a nostra rilazione incù Parigi. Dopu à quarant’anni di cunflittu – cunflittu chì ghjè statu nicessariu è chì ci vole à assume chjaramente è cumpletamente – avemu dui anni fà cuminciatu à scrive un novu capitulu di a nostra storia.

Quelli chì cum’è noi anu cunnisciutu sti quarant’anni passati sanu u prezzu di a pace, issa pace ch’avemu vulsutu assicurà per e nove leve. Simu felice di sapè chì i nostri figlioli ùn averanu à passà per e stonde difficiule ch’avemu fracantu. Oramai, issa pace ùn pò esse rimessa in causa. Da nimu. Ma u raportu di forza puliticu incù i dirigenti francesi ùn hè compiu, ancu s’ellu hà pigliatu una forma differente dipoi u 2014. Oghje simu sereni perchè chì simu più forti chè mai è chì a nostra forza ghjè u populu corsu chì a ci dà. Da quì à qualchì ghjornu, principieremu à neguzià incù u guvernu francese. Nantu à u tavulinu di discussione ci serà u nostru prugettu, un prugettu pruvistu di un sustegnu demucraticu massicciu.

Di pettu à noi ci seranu i ripresententi di a Francia, perchè chì u sugettu di e discussione à vene serà quellu di e rilazione tra à Corsica è a Francia. Dipoi anni è anni, da mare in là, certi presentanu a nostra lotta cum’è una dimarchja antifrancese. Eppuru ùn hè mai statu u casu. Tutti i patriotti custretti di dì « innò », in ogni epica è in ogni paese di u mondu, l’anu fatta per amore di i soi è micca per odiu di l’altri. Pudianu dì, cum’è Antigone « Simu nati per sparte l’amore è micca l’odiu ». Cusì simu noi, appassiunati di issu picculu populu chì ghjè u nostru è chì ùn hà mai purtatu tortu à nisunu.

Un populu chì vole campà, in fratellanza incù tutti l’altri populi in giru à ellu, in u Mediterraniu, in Auropa è al dilà. Hè per quessa chì, in e discussione à vene, vulemu ragiunà incù a Francia di Victor Schoelcher, di Pierre Mendès France è di Michel Rocard. Una Francia degna di rispettu è – perchè ùn dì la micca ? – d’amicizia. Ma l’amicizia ùn hà nunda chì vede incù a sottumissione. L’amicizia si custruisce in un raportu d’uguale dignità. Per contu meu, sò cunvintu chì e donne è l’omi di bona vulintà si ponu sente è accurdà si. È cusì sia.

Drittu à l’autodeterminazione, drittu à a felicità Diciamu dui anni fà chì a nostra maiurità era u primu guvernu naziunale dipoi quellu di Paoli. Tandu, certi anu pensatu chè no vuliamu vultà à u XVIIIu seculu. Anu vistu chì ùn era mancu appena u casu, chì avemu fattu tuttu dipoi u nostru accessu à e ripunsabilità per cunduce a Corsica nantu à a strada di a mudernità pulitica. Ma hè vera, ùn ci scurdemu di u tempu chì fù, è in particulare di u seculu di Paoli, u nostru seculu d’oru. 4 U preambulu di a Custituzione di u 1755 hè un tesoru d’innuvazione pulitica : « A Dieta generale di u populu corsu, legittimamente maestru d’ellu stessu, cunvucata da u Generale secondu e mudalità stabilite in a cità di Corti i 16, 17 è 18 di nuvembre 1755.

Avendu ricunquistu a so libertà è bramendu di dà à u so guvernu una forma durevule è custante trasfurmendu lu in una custituzione capace à assicurà a felicità di a Nazione ». Per noi naziunali, issu preambulu, sempre d’attualità, custituisce u testu ghjuridicu u più altu ch’ellu ci sia. In sei filari, solu sei filari, nascenu quatru nuzione sfulgurante. A prima, quella di « custituzione », dunque di lege fundamentale, chì l’altri populi aurupei ùn l’avianu à l’epica. A seconda, quella di « nazione » in u so sensu oghjincu : una cullettività pulitica unita, è micca solu cum’è nanzu un inseme di nativi o d’uriginari d’un territoriu. A terza nuzione, u drittu di u populu à l’autodeterminazione : « A Dieta generale di u populu corsu, legittimamente maestru d’ellu stessu. »

Nuvità à quella epica, ma idea sempre d’attualità oghje ghjornu, scritta in u prugettu di Per a Corsica è dunque riaffirmata da i Corsi u 10 di dicembre scorsu. Infine, a quarta nuzione, u drittu à a « felicità », cuncettu chì si ritruverà dopu in li testi custituziunali americani è aurupei. À mè, issi dui ultimi dritti – u drittu di sceglie u so destinu è u drittu à a felicità –, mi parenu più chè liati, per ogni populu, è dunque per u nostru. È per quessa chì, a vogliu dì per compie, di modu sulenne : ùn accetteremu mai di rinuncià ne à l’unu, ne à l’altru, chì nisun’ populu ùn pò fà u dolu di a felicità. Or dunque, care culleghe, cari culleghi, cari membri di l’Assemblea di a Giuventù, cari cumpatriotti…

Campate felici ! Evviva a Corsica ! Evviva a nazione ! 

Discorsu d’investitura di u Presidente Jean-Guy Talamoni